Image

LA STORIA

I sogni sono la massima espressione della natura di un uomo. Quella di Bepi Dalla Pietà parlava di mare, di scoperte, di barche. La prima creazione, del 1949, nasce con l’intento di trasmettere un concetto che negli anni si confermerà come spunto e meta di ogni progetto: la marinità, ossia un modo profondo di andar per mare. I primi successi non tardano ad arrivare e ad essi segue l’apertura nel 1959 dei primi Cantieri sull’Isola della Giudecca a Venezia

Anni 60'

Anni 60 Tirreno Lr

In questi anni alla Giudecca inizia la vera produzione con una linea d’imbarcazioni che vede le prime applicazioni del compensato marino abbinato alla struttura in mogano. Nascono qui i celebri fuoribordo “Rio”, “Laguna”, “Ionio” e gli entrofuori bordo “Adriatico”, “Tirreno”, “Pacifico”: imbarcazioni da 4 a 7 metri che delineano un nuovo modo ed un nuovo stile di “andare per mare”. Sempre alla continua ricerca di nuove soluzioni, Dalla Pietà è tra i primi a sperimentare la carena Hunt e la applica, modificandola, alla fortunata serie di imbarcazioni sportive che mietozno innumerevoli allori nelle categorie turismo, corsa e rally. Il marchio Dalla Pietà viene sempre più associato a idee e soluzioni innovative, le stesse che permetteranno di scrivere alcune delle più importanti pagine della storia delle gare motonautiche internazionali. Nel 1967 da un’improvvisa ispirazione, vede la luce uno scafo dalla linea completamente rivoluzionaria: è la MANTA. Un’innovativa barca “tutta carena”, monoposto da competizione. Negli anni ’70, per ragioni logistiche, di spazio e la richiesta sempre maggiore di imbarcazioni porta al trasferimento dei Cantieri a Marghera, dove può ingrandire i suoi scafi, e forte delle esperienze acquisite nel settore agonistico lancia una gamma completa, sino a 14 metri, con carena poliedrica a “V” profondo.

Successivamente, accurati studi e la adozione di nuove tecniche, sempre frutto di collaudi particolarmente severi ed esasperati, garantiscono un natante dalle caratteristiche uniche e dalla perfezione quasi assoluta.

Anni 80'/90'

Il passaggio di consegna ai figli Gianni e Giorgio, qualche anno più tardi, dona un ulteriore slancio dell’azienda. Le dimensioni aumentano ulteriormente e con esse l’impegno a mantenere l’eccellenza.

L’esigenza di una nuova ristrutturazione stimola la famiglia Dalla Pietà a realizzare un grande complesso in una zona di terreno incolto di Fusina-Malcontenta: 30.000 mq destinati per la produzione, l’assistenza ed il rimessaggio al coperto e all’aperto. Una svolta netta, quindi, nella produzione della classica imbarcazione in legno al più avanzato vetroresina, pur mantenendo sempre la “filosofia” della costruzione in legno; nuove infrastrutture e nuovissime strutture al servizio della nautica. In quest’ottica di rinnovamento, si è vista la realizzazione degli affermati modelli DP 6 in vetroresina, anche in versione fuoribordo, e della produzione della serie di modelli 28’ e 37’ della linea Altair, 43’ e 55 della linea Al Na’Ir e 52’ della linea Asterion.

1990/2002

L’area cantieristica di Fusina-Malcontenta vanta una qualità organizzativa e produttiva unica. Qui progettisti maestranze collaborano per ideare, costruire e allestire le imbarcazioni destinate al mercato nazionale e internazionale.

2003/2009

Nel 2002 un decisivo cambiamento ha permesso di fondere l’esperienza, le competenze tecniche e l’amore per il mare di Giorgio Dalla Pietà, figlio del fondatore Giuseppe, con l’organizzazione e la cultura imprenditoriale di una nota famiglia veneziana, i Mevorach. La capacità di interpretare e anticipare le tendenze del mercato, nonché il know how maturato in diversi business ha portato Dalla Pietà Yachts a raggiungere traguardi importanti. La nuova società, guidata da Michele Cazzanti, Presidente, e da Giorgio Dalla Pietà, Amministratore Delegato, è diventata un punto di riferimento della cantieristica italiana di lusso. I risultati sono evidenti. Pur mantenendo la tradizione artigianale come impronta di stile e garanzia di affidabilità i Cantieri hanno ampliato la propria struttura, definendo nuovi flussi operativi e orientandosi verso nuove sfide.Aumentando la domanda il Cantiere si vede obbligato a affidare la costruzione delle imbarcazioni fino a 80 Ft.

2009 ad Oggi

Dopo la vertiginosa salita con quasi il 700% di incremento negli ultimi 7 anni, dal 2002 al 2009, con la sopraggiunta crisi economica europea e ancor più accentuata per la nautica, il cantiere, avendo clientela di nicchia, ne risente moltissimo.Viene messo in liquidazione e dopo circa 1 anno viene acquistato da una importante e solida multinazionale il cui programma prevede il consolidamento del marchio e del prodotto assolutamente "made in Italy"

Le intenzioni del gruppo sono quelle di mantenere il brand precedente, rispettare e rispecchiare al massimo il "made in Italy" che tanto lustro aveva dato precedentemente e che tanto vorrebbe mantenere anche per gli anni successivi. Poca ingerenza nella conduzione, nessuna mano d’opera straniera, nulla fatto al di fuori dell’Italia, anzi dal Cantiere storico di Malcontenta.

Tecnologie

Dalla Pietà da sempre progetta e realizza imbarcazioni da diporto all'insegna dell'eccellenza qualitativa e dell'esclusività. Gli yacht Dalla Pietà, infatti, sono concepiti mettendo in primo piano la vita di bordo, l'abitabilità e il comfort di ogni ambiente. Materiali di pregio, cura di ogni dettaglio e lavorazione artigianale si affiancano a soluzioni tecnologiche e infrastrutture d'avanguardia per offrire ad ogni armatore la barca dei suoi sogni. Gli yacht a motore Dalla Pietà hanno carene a V profondo che assicurano una navigabilità confortevole in qualsiasi condizione meteo-marina. All'interno dello scafo, la scelta del compensato marino al posto delle controstampate è un'ulteriore elemento di qualità per i nostri Armatori, nonché garanzia dell'artigianalità dei nostri yacht di lusso. Artigianalità che ci permette di caratterizzare e rendere unica ogni nostra imbarcazione attraverso la massima personalizzazione degli interni. Questo è la nostra sfida anche per il futuro: offrire yacht d'elite, unici, marini, costruiti e allestiti in ogni particolare secondo i gusti personali di chi poi li vivrà. Dalla Pietà Yacht in questi anni è riuscita a coniugare la sua anima tradizionale, attenta al piacere puro della vita di bordo, con un approccio innovativo, concentrato nella ricerca delle migliori performance. Il risultato sono esemplari marini perfetti, in cui ogni scelta abbina funzionalità ed estetica ad una spiccata artigianalità. Quest’ultima caratteristica ha permesso di avere sempre totale libertà nella progettazione degli ambienti, nella scelta dei materiali più pregiati e nelle rifiniture. E consente, più di ogni altra cosa, la massima personalizzazione da parte degli Armatori. Questa è la nostra sfida anche per il futuro: offrire imbarcazioni uniche, costruite e allestite in ogni particolare secondo i gusti personali di chi poi le vivrà.

Obiettivi aziendali

Dalla Pietà si vuole proporre come una sartoria della nautica, per noi la qualità corrisponde a un’attenzione quasi maniacale ai particolari. Il nostro obiettivo è quello di diventare leader di mercato oltre che cantiere di riferimento per i clienti che cercano un’imbarcazione esclusiva, dallo stile sobrio ed elegante e un prodotto unico per fattura, personalizzazione e qualità dei materiali utilizzati. Il nostro Cantiere mira a crescere e consolidarsi per diventare leader di questa nicchia di mercato che si rivolge a clienti che vogliono vivere il mare in modo diverso. Per questo continueremo a proporre campagne mirate, in Italia e all’estero, per accrescere la notorietà del marchio Dalla Pietà, e a garantire un servizio adatto a soddisfare questo tipo di target. La politica di sviluppo per i prossimi anni è di rispettare l’idea di artigianalità. Il nostro obiettivo, completata la serie degli open con l’80 piedi, è ora quello di pensare all’ampliamento della gamma fly.